Skip to main content

Ge.M.M.Az

 

La Manutenzione informatizzata per migliorare la gestione operativa del processo produttivo aziendale

Il conseguimento di una posizione di profitto e di crescita del mercato dipende anche dal prezzo, dalla qualità del prodotto e dalla tempestività nel renderlo disponibile.

Le aziende di successo hanno sperimentato che una efficiente organizzazione dell’attività e delle risorse di manutenzione significa migliorare la disponibilità delle macchine e degli impianti e quindi ridurre i costi dei prodotti e sostenere la qualità.

La Manutenzione pianificata ed orientata ai risultati contribuisce a migliorare le prestazioni dell’Azienda e quindi a raggiungere gli obiettivi migliorando i profitti. I benefici sono :

Riduzione dei costi : relativamente alle giacenze di parti di ricambio, agli interventi dall’esterno, ai fermi macchina e all’utilizzo più razionale del personale di manutenzione.

Miglioramento della produttività : grazie alla più elevata disponibilità dei macchinari e degli impianti.

Qualità costante del prodotto : ottenuta dalle condizioni ottimali operative e controllate dei macchinari.

Ge.M.M.Az è un prodotto software progettato sotto sistema operativo Windows, scritto in Visual Basic, sia su sistemi in monoutenza che su sistemi multiutenza in rete, basato su Data Base Access ®, che integra tutte le funzioni necessarie per la gestione operativa delle attività di manutenzione dei macchinari e degli impianti          .

  1. Gestione delle Risorse e dei Materiali : Permette l’utilizzo ottimale delle risorse produttive.
  2. Reparti : Per la suddivisione dei vari Reparti aziendali con l’indicazione del responsabile del Reparto.
  3. Macchinari : vengono suddivisi per Reparto permettendo l’inserimento del codice del cespite aziendale con inserimento della stima in ore MTBF/MTTF (Meddle Time Before/To Failure) e delle ore di lavorazione preventive giornaliere / settimanali e annuali.
  4. Categorie e Sottocategorie dei Ricambi : dove nelle categorie possono essere evidenziati i grandi gruppi dei ricambi (elettrici, meccanici, idraulici, ecc…) suddivisi ulteriormente in sottocategorie / sottogruppi (es° : cuscinetti, guarnizioni, cinghie, giunti, ecc….).
  5. Ricambi : ogni ricambio può essere registrato con un codice articolo lungo fino a 20 caratteri ed assegnato ad una categoria e ad una sottocategoria. Sul codice si può inserire anche la quantità in giacenza, la scorta minima e la scorta di sicurezza, quindi il numero dei giorni di approvvigionamento di quel ricambio e il codice del fornitore abituale. Possibilità di inserimento dell’MTBF anche per il singolo ricambio.
  6. Manutentori : per ogni manutentore viene specificato se trattasi di tecnico interno oppure di ditta esterna, ed il costo o la tariffa oraria di intervento.
  7. Gestione delle Attività : Consente di organizzare, programmare e gestire operativamente gli interventi di manutenzione preventiva o su segnalazione di guasto, ottimizzando l’utilizzo di personale interno e/o esterno e delle parti di ricambio.
  8. Tabella Guasti : permette di codificare tutte le tipologie di guasto che possono verificarsi sui macchinari aziendali, per l’effettuazione di statistiche.
  9. Apertura interventi : tramite questa funzione vengono inserite tutte le richieste di intervento sui macchinari dei vari reparti. All’inizio viene attribuito il numero e la data/ora di apertura dell’intervento, quindi viene richiesto di inserire il tipo di intervento (su guasto, straordinario o programmato) e una breve descrizione della richiesta o del guasto. Viene data in contemporanea anche la possibilità di visualizzare i precedenti interventi eseguiti sullo stesso macchinario. Quindi viene stampato il rapportino di intervento che dovrà essere consegnato ai manutentori.
  10. Chiusura interventi : Sistemato il guasto o comunque concluso l’intervento, tramite il rapportino compilato dal manutentore interno o dalla ditta esterna, si richiamerà il numero dell’intervento e, dopo aver visualizzato il tempo di fermo macchina, si possono inserire i ricambi utilizzati (con scarico immediato delle giacenze) e i tecnici, o la ditta esterna, che sono intervenuti, calcolando direttamente il costo dell’intervento.

III. Gestione degli Acquisti : Consente di programmare e registrare gli acquisti delle parti di ricambio da utilizzare nelle attività di manutenzione, con calcolo automatico delle scorte minime e di sicurezza, con elenco dei fabbisogni e carico dei documenti dei fornitori.

  1. Bolle : Inserimento dei DDT dei Fornitori per effettuare la registrazione di tutti i ricambi ordinati attraverso la lista dei fabbisogni. Per ogni documento, oltre al numero, alla data e al codice del fornitore, viene inserito il codice della parte di ricambio con la quantità da caricare, e il prezzo unitario eseguendo immediatamente l’aggiornamento delle quantità di magazzino.
  2. Magazzino / Calcolo scorte Minime : esegue il calcolo delle scorte in base sia ai consumi effettuati in un certo periodo scelto dall’utente, sia ai giorni necessari al riapprovvigionamento di quella parte.
  3. Magazzino / Fabbisogni : esegue il calcolo dei fabbisogni di ogni codice presente in archivio ricambi, in base alla giacenza e alla scorta minima. La quantità di riordino viene calcolata verificando il valore della scorta di sicurezza. Il valore della scorta di sicurezza è aggiornabile automaticamente su tutti i ricambi, in base ad un coefficiente.
  4. Magazzino / Valorizzazione : esegue la valorizzazione del magazzino ricambi ad una data specificata. Con questa funzione è possibile anche inventariare i ricambi a fine anno per poi effettuare la chiusura di magazzino. Possibilità di archiviare lo storico degli interventi anno per anno.
  5. Gestione Finanziaria delle Risorse : Consente di calcolare ed eseguire statistiche sui costi di fermo macchina e delle manutenzioni.
  6. Fermi macchina per cespite : elabora tutti gli interventi effettuati in un certo periodo suddividendoli per macchinario con calcolo del totale dei costi degli interventi e dei fermi macchina.
  7. Fermi macchina per guasto : elabora tutti gli interventi effettuati in un certo periodo suddividendoli per tipo di guasto con calcolo del totale del numero degli interventi e dei costi.
  8. Interventi preventivi : elabora, in base a tutti gli interventi effettuati, al numero ore di MTBF e al numero ore di lavoro che deve supportare il singolo macchinario, per quando dovrà essere preventivato il prossimo intervento.

Contattaci subito

Richiedi maggiori informazioni o una consulenza gratuita compilando il form!